banner.jpg
HomeCorsiCorso di Shiatsu Percorso formativo e date 3° LIVELLO - "Tao Shiatsu"

"Lo Shiatsu è ascolto silenzioso,
è desiderio di comunicare
attraverso il contatto
delle mani"

298792
Oggi
Settimana
108
798

Associazione Professionale Operatori e Insegnanti Shiatsu

Il Soffio Vivo è Ente Formativo Convenzionato

APOS


manifesto-apos1

Leggi lo statuto APOS

 

 

Utenti Online

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

Breve storia dello shiatsu: Namikoshi  - "padre dello shiatsu moderno"

Tokujiro namikoshiPer parlare dello Shiatsu bisogna innanzitutto ripercorrere la storia di Tokujiro Namikoshi, il padre dello Shiatsu moderno, perchè la tecnica della digitopressione esisteva già da molti secoli in Cina con il nome di Anmo, poi esportata in giappone da monaci Buddhisti che col tempo ne hanno cambiato il nome in Anma.

Tokujiro Namikoshi nacque nel 1905 nell'isola di Shikoku in Giappone. Nel 1912 all'età di 7 anni la famiglia si trasferisce dal caldo clima del mare nel freddo clima dell'isola settentrionale di Hokkaido e qui inizia la storia dello Shiatsu Namikoshi.

La madre, in seguito allo stress del lungo viaggio, al cambiamento di clima e al cambiamento di vita, si ammala di reumatismo articolare acuto generalizzato. Nel villaggio in cui vivevano non esisteva un medico né medicine. Tokujiro e i quattro fratelli, non sopportando di veder soffrire la madre, presero a massaggiarle a turno le zone dolenti. Quando era il turno di Tokujiro la madre spesso diceva: "le tue mani sentono meglio"; queste lodi incoraggiavano il ragazzo. Pur non avendo nozioni anatomiche e fisiologiche, le sue mani e le sue dita sensibili avvertivano le differenze di temperatura e stato di tensione della pelle e adeguava la pressione a queste variazioni.  Notò poi che la pressione esercitata con i pollici arrecava più sollievo e la tensione del corpo si allentava. Concentrò il trattamento sulle zone più rigide e più fredde e dopo non molto tempo la madre cominciò a migliorare.

"Aveva praticato pressioni lungo le docce paravertebrali all'altezza della regione dorso-lombare, senza saperlo aveva stimolato la secrezione di cortisone (sostanza che cura il reumatismo) da parte delle ghiandole surrenali". Questa "sperimentazione all'oscuro" gli rivelò la capacità dell'organismo di guarire da sé. Era riuscito a mettere in moto i poteri autoterapeutici del corpo. Questa è l'origine dello Shiatsu.

Il Ministero della Sanità giapponese definisce così lo Shiatsu:

"Lo Shiatsu è un trattamento nel quale si usano i pollici e il palmo delle mani per esercitare pressioni su determinati punti del corpo, allo scopo di correggere irregolarità dell'organismo, di conservare e migliorare lo stato di salute e di contribuire alla cura di taluni stati morbosi".

 (cit. Scuola Italiana di Namikoshi Shiatsu di Mary Leccisi)

 

Il Pensiero incontra la Forma

Il Tao Shiatsu prende spunto dal suo ideatore Ryokyu Endo, il quale applica allo shiatsu di Namikoshi i principi teorici della Medicina Classica Cinese offrendo così un panorama di informazioni e di interventi pressori a volte simili all'agopuntura. Le pressioni portate solitamente con il pollice, quindi si portano sui canali energetici chiamati meridiani e si soffermano a volte su "xue/shu" agopunti. Questi offrono la possibilità di percepire in profondità lo stato energetico del ricevente attraverso la diagnosi del "pieno/vuoto".

Nel sistema Tao Shiatsu si fondono in un'alchimia Pensiero e Forma.

Qui non esiste più il prima e il dopo, l'oggi e il domani,

tempo e spazio si dilatano fino ai confini dell'Essere, fino ai confini dell'Io.

E' equilibrio tra mente, corpo e spirito;

Apoteosi della danza;

Musica senza suono

ascolto del silenzio;

 

Date Anno Accademico 2017 - 2018

2017 - Sistema Tao Shiatsu "forma e pensiero"

  • 1^ lezione 30 settembre-1° ottobre
  • 2^ lezione 18-19 novembre

2018

  • 3^ lezione  27-28 gennaio
  • 4^ lezione  10-11 febbraio
  • 5^ lezione  10-11 marzo
  • 6^ lezione  28-29 aprile
  • 7^ lezione  19-20 maggio
  • 8^ lezione 16-17 giugno
  • VALUTAZIONE DI FINE TRIENNIO 24 GIUGNO (Attestato di Competenza)

I seminari rispetteranno i seguenti orari

sabato:     ore 15.00 - 20.00
domenica: ore 9.00 - 13.00/15.00 18.00

Lezione infrasettimanale: martedì ore 15.30 – 19.00

 

Suddivisione delle ore di studio

  • 170 ore: LEZIONI di SHIATSU frontali
  • 35 ore: Medicina Classica Cinese
  • 10 ore: Accenni di Anatomia e Fisiologia Generale
  • 10 ore: Wudang Qi gong
  • 10 ore: Filosofia Cinese – letture dei testi antichi
  • 5 ore: Deontologia e Fiscalità

Trattamenti extra-scolastici

3° livello: 45 ore

 

Programma  di studio

  • Introduzione al pensiero Cinese
  • Taoismo e Confucianesimo: due modi di pensare il Tao
  • Accenni alla meditazione Cinese: Qi gong
  • Yin/Yang: Cosmogonia e Cosmologia
  • Studio del Qi e dei suoi aspetti fisiologici
  • Wu Xing- Eziologia dei cinque Agenti o Fasi
  • La Cinque Fasi nella Medicina Tradizionale Cinese
  • Jing luo mai – studio approfondito dei 12 canali principali
  • Studio dei 365 agopunti
  • Meridiani Luo e Meridiani Straordinari
  • Introduzione agli Shu del dorso e ai Mo dell’addome/torace
  • I “6 soffi celesti” o anche detti i 6 livelli energetici
  • Liquidi Jing – Ye
  • Relazione tra gli organi Zang/Fu
  • Concetto di Pieno (jitsu) e Vuoto (kio) nello shiatsu
  • Ciclo Nictoemeriale: movimento del qi nei canali energetici durante le 24 ore del giorno
  • Principi della Tecnica Shiatsu: Peso, Pressione, Perpendicolarità
  • Studio della Forma e delle posizioni
  • Accenni di Anatomia e Fisiologia generale
  • Accenni di deontologia professionale e fiscalità